prev next

 

COURMAYEUR

L’importanza della collaborazione tra Azienda e incentive house.

 

Le indicazioni del Cliente a TonidiBlu erano state: convention di 4 giorni, in Italia, location di sicuro appeal, hotel con caratteristiche consone al gruppo, team building per dinamiche relazionali.

 

I fruitori: importanti dealer

Periodo: febbraio 2011

Il Cliente: ITT

Il tema della Convention: “Le strategie commerciali per il 2012”

 

Sfidando i dubbi e le perplessità del Cliente,  TonidiBlu ha puntato su una “location” che in sé potesse riassumere: il carattere familiare , ma esclusivo, di uno dei maggiori centri alpini, la buona cucina, la suggestione della neve, i panorami mozzafiato,  la competizione,  …in altre parole…Courmayeur.

Diversa dalla solita destinazione, in città, che ospita costantemente questi eventi.

Diversa perché lo scopo della TonidiBlu  era di promuovere, con un contributo di nuove idee ed opportunità, la fidelizzazione dei dealer , nei confronti di ITT.

Diversa perché uno spazio/ambiente circoscritto, ma molto rilassante, non può che favorire l’aggregazione e le relazioni personali ed aziendali

 

Si trattava ancora di dare vita alla creazione e gestione di eventi che coinvolgessero gli ospiti. Infatti non poteva mancare , oltre al meeting, il momento ludico, e per questo,  si è organizzata  una gara di sleddog .

L’ ospitalità del luogo, la buona cucina ed una perfetta organizzazione hanno costituito la trama sulla quale si è così realizzato il disegno di una “convention diversa”, come hanno sottolineato  gli ospiti che non hanno mancato di ringraziare ITT per la scelta effettuata.

La collaborazione tra TonidiBlu ed Azienda non si ferma ad assecondare  le scelte o le imposizioni del Cliente, ma con spirito costruttivo e critico va oltre l’orizzonte del consueto, perché,  forte  delle  proprie  esperienze  e  della  propria  sensibilità, TonidiBlu ama giocare su “ nuovi territori” tutto quanto può permettere ad un’Azienda di essere apprezzata in “tutto” dai propri ospiti.

Courmayeur  si è dunque rivelata, come ha attestato, durante la suggestiva cena in baita, raggiunta col gatto delle nevi, il direttore,  una meta sorprendente, emozionante e coinvolgente, al di sopra di ogni aspettativa.